Fluorangiografia Retinica Esami Preliminary Bibliography

Sigla/sinonimi
Fluorangiografia retinica, angiografia a fluorescenza, angiografia con fluoresceina o con verde di indocianina.

 
Descrizione dell’esame
La fluorangiografia è un esame strumentale per la valutazione della retina e della coroide, due membrane dell’occhio riccamente irrorate da vasi sanguigni, dei quali fornisce un’immagine digitale, evidenziandone eventuali alterazioni. Dopo aver ottenuto la dilatazione delle pupille (midriasi), con una speciale macchina fotografica si scatta una “fotografia” (angiografia) della retina nel momento in cui i vasi sanguigni retinici sono raggiunti ed evidenziati da un colorante fluorescente (mezzo di contrasto), iniettato in una vena del braccio del paziente circa 15 secondi prima. A seconda della malattia che si sospetta si impiegano coloranti diversi (fluoresceina o verde di indocianina), ottenendo due varianti dell’esame. La durata della procedura è di pochi minuti con la fluoresceina e un po’ più lunga con il verde di indocianina, con il quale si richiede di scattare un’immagine anche 15-20 minuti dopo l’infusione; il risultato è immediatamente visibile all’operatore.

 
Preparazione all’esame
La fluorangiografia è un esame sicuro, ma comporta l’iniezione di un mezzo di contrasto, che potrebbe essere mal tollerato in presenza di problemi ai reni o al fegato e, in soggetti allergici, causare prurito, dermatite e, in casi gravi, shock anafilattico. In relazione all’infusione del colorante, possono manifestarsi anche nausea (perciò si consiglia di effettuare l’esame a digiuno), una transitoria colorazione arancione di cute e urine e dolore transitorio nel sito dell’iniezione.
Prima dell’esame, l'istillazione di colliri specifici (a base di sostanze farmacologiche) consente di ottenere la midriasi, ossia la dilatazione della pupilla che facilita l’osservazione della retina. La midriasi impedisce una corretta visione da vicino e riduce la tolleranza alla luce, perciò dopo l’esame è bene non mettersi alla guida e non compiere attività pericolose finché non si sia riacquistata la normale capacità visiva (di solito ciò si verifica in alcune ore).

 
Significato diagnostico
La fluorangiografia è un esame essenziale per la diagnosi di alterazioni della retina dovute a malattie dell’occhio specifiche (degenerazione maculare miopica e legata all’età, retinite pigmentosa ecc.) o sistemiche (retinopatia diabetica, retinopatia ipertensiva); può anche essere impiegato per guidare il trattamento di queste mediante laser.
La fluorangiografia può essere richiesta per confermare un sospetto di malattia retinica posto grazie all’esame del fondo oculare, in modo da confermare la presenza di segni inequivocabili di sofferenza retinica (aree non irrorate, microaneurismi, chiazze di essudato, microdepositi) e differenziare le forme di retinopatia non proliferanti da quelle proliferanti (con formazione di nuovi vasi sanguigni).
Nei diabetici, l’esame è richiesto periodicamente per monitorare l’evoluzione della retinopatia che si verifica come complicanza di valori di glicemia non ben controllati, una volta che questa sia già stata accertata con precedente fluorangiografia o con esame del fondo oculare eseguito dallo specialista oculista.

Он не находил слов. - Ты знаешь ее фамилию. Двухцветный задумался и развел руками.

0 thoughts on “Fluorangiografia Retinica Esami Preliminary Bibliography

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *